Anche le testuggini soffrono l’IL

Il Centro Recupero Tartarughe Marine “TartaSalento” del Museo di Calimera e dell’Osservatorio faunistico Provincia di Lecce e il CRTM del Salento – Parco del Rauccio, responsabili del monitoraggio scientifico, hanno seguito e protetto la schiusa delle uova di un nido di tartaruga marina, dalla deposizione delle uova fino all’entrata in mare dei piccoli.
Ma…
Le tartarughe immesse in mare hanno mostrato particolare difficoltà ad orientarsi in seguito al grave inquinamento luminoso di cui è vittima la baia di Torre Lapillo, ciò ha costretto gli specialisti del Museo di Calimera e del Parco di Rauccio a guidare le tartarughe verso il mare aperto con l’ausilio di una fonte luminosa artificiale.
La notizia è riportata dal blog LiberoReporter.it, citando il Centro di recupero Tartarughe Marine “TartaSalento”.

Commenti chiusi

  • CieloBuio su Facebook

    Facebook By Weblizar Powered By Weblizar